Ritenute sugli appalti: il committente diventa "informatore" del fisco

Dal 1° gennaio 2020 un committente qualora affidasse a un’impresa il compimento di opere o servizi di importo complessivo annuo superiore a 200.000 euro tramite contratti di appalto, subappalto o rapporti negoziali diventerà un collaboratore (gratuito) del Fisco e assumerà compiti ausiliari di polizia amministrativo-tributaria trasformandosi suo malgrado, a pena di sanzioni, in un informatore ausiliario dell’Agenzia delle Entrate.

Il limite di 200,000 euro è da intendersi riferito a tutte le opere e i servizi affidati nel corso dell'anno.

Nel caso di superamento di tale soglia, la disciplina non trova applicazione solo a decorrere dall'opera che ne ha determinato il superamento stesso, ma a tutte quelle commissionate nell'anno. Non solo: la copia delle deleghe di pagamento trasmessa dall'appaltatore al committente non deve essere riferita al singolo lavoratore, ma può riguardare tutti i lavoratori impiegati presso il medesimo committente nella realizzazione di opere e servizi.

Per quanto riguarda le cause di esclusione degli obblighi comunicativi, l'Agenzia ha chiarito che i requisiti di cui al comma 5 art 4 devono sussistere congiuntamente. Infine al fine di permettere al committente la verifica del committente la verifica del versamento delle ritenute da parte dell'impresa appaltatrice o subappaltatrice le copie delle deleghe di pagamento F24 non devono essere riferite al singolo lavoratore ma possono essere cumulative

Documento unico di regolarità fiscale

L’unica possibilità per il committente di non divenire un presidio periferico delle Entrate è prevista solo nell’ipotesi in cui le imprese appaltatrici/affidatarie/subappaltatrici inviino al committente quella sorta di DURF (documento unico di regolarità fiscale) che sarà rilasciato dalle Entrate per attestare l’assenza, nell’ultimo giorno del mese precedente a quello della scadenza prevista, di pendenze fiscali sopra certi limiti e requisiti di attività dell’impresa da almeno tre anni in regola con gli obblighi dichiarativi e di versamento fiscale con determinati termini e modalità.

In questi casi, infatti, le imprese appaltatrici potranno procedere direttamente al pagamentodelle ritenute senza che sul committente incombano necessità di ulteriori controlli e, quindi, non scatterà mai la necessità del committente di dover inoltrare al Fisco anche quella che si profila come una sorta di SES (ovvero una segnalazione di evasione sospetta).

 

News dello studio

gen15

15/01/2020

Autoliquidazioni INAIL 2019/2020: riduzioni contributive e scadenze

Con L'istruzione operativa del 13 Gennaio 2020, L'Inail ha fornito indicazioni relative all'autoliquidazione 2019/2020, con particolare riferimento alle riduzioni contributive e ha riepilogato scadenze

dic23

23/12/2019

Comunicazione chiusura natalizia

Per le festività natalizie lo studio resterà chiuso dal 24 al 31 Dicembre. Per comunicazioni potrete ricevere assistenza inviando una richiesta di contatto a info@studiomarciano.it Da

dic9

09/12/2019

Omessa informazione a dipendente in nero-parola all'ispettore del lavoro

La terza sezione penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 41600/2019, confermando il giudizio già espresso dal giudice di merito, ha condannato il datore di lavoro ex art. 36, comma

News