Valutazione generale e rishi specifici

A seconda del settore di attività cui appartiene l'impresa e delle lavorazioni effettivamente svolte, potrebbe essere necessario effettuare, oltre la valutazione generale, alcune valutazioni esami e misurazioni specifiche.

La normativa prevede che il datore di lavoro realizzi la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il pro-gramma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.

La valutazione, che avviene in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e con il medico competente, previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, si realizza attraverso una analisi scrupolosa di ogni aspetto dell'attività: ricerca dei pericoli presenti e valutazione dei rischi derivanti;
scelta delle misure di protezione da adottare; scelta delle attrezzature di lavoro e dele sostanze utilizzate; orga-nizzazione dell’ambiente di lavoro; verifica realizzazione ed attuazione delle misure, anche in ordine alla priorità assegnata, in base al rischio; valutazione dei rischi a cui sono esposti particolari classi di lavoratori come gestanti o in allattamento, disabili, stranieri, minori.

Documento di Valutazione dei Rischi (per aziende di ogni dimensione) Cosa deve contenere?

a) relazione sulla valutazione dei rischi presenti nell’attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa;
b) Indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati;
c) Programma di miglioramento delle misure nel tempo;
d) Individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure e dei responsabili dell'attuazione;
e) Indicazione dei nominativi di tutte le figure coinvolte nella gestione della sicurezza aziendale;
f) Individuazione delle mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici;

Per questo tipo di valutazione è destinata alle aziende grandi e con maggiori rischi. Per la sua redazione è fortemente consigliata l'assistenza di professionisti del settore.

Le aziende con minori rischi possono invece accedere alla nuova valutazione semplificata esposta di seguito.

Utilizzo delle nuove procedure standardizzate

Nell'adempiere agli obblighi di valutazione dei rischi, le aziende che occupano fino a 50 lavoratori con alcune eccezioni legate al grado di rischio, potranno avvalersi delle nuove procedure standar-dizzate.Queste prevedono un processo di valutazione schematizzato e sintetizzabile in quattro fasi:
a) descrizione dell'azienda e dei soggetti coinvolti, del ciclo lavorativo o delle diverse attività,delle mansioni presenti;
b) Rilevazione dei pericoli presenti (tra quelli standardizzati) nei singoli contesti individuati e valutazione del rischio relativo ai pericoli presenti;
c) Individuazione delle misure misure di prevenzione e protezione adottate al fine di neutralizzare o ridurre i rischi individuati
d) Definizione del programma di miglioramento, per le misure da adottare entro tempistiche definite.

Il vantaggio dell'utilizzo delle procedure standardizzate sta nella minore complessità della valutazione e nella maggiore rapidità di assolvimento dell'obbligo.
Di conseguenza sarà minore l'impatto economico e la tempistica complessiva.
Permangono in ogni caso tutti gli obblighi derivanti dalla concreta applicazione della sicurezza in azienda, e la valutazione dei rischi particolari per determinati lavoratori.

 

Potrebbe interessarti:

News dello studio

nov12

12/11/2019

Pericolo virus in mail Pec dei Consulenti del Lavoro

Da alcuni giorni sono in corso tentativi di frode informatica perpetrati mediante false comunicazioni. Si tratta di messaggi che vengono inviati agli indirizzi di posta elettronica certificata tramite

nov11

11/11/2019

Giovani, formazione e lavoro: gli eventi INPS di novembre a Palermo

Incontrare i giovani e coinvolgerli sui temi del lavoro e del welfare, attraverso l’esperienza di attività didattiche interattive. Questo l’obiettivo dell’INPS, che a novembre

nov4

04/11/2019

Reddito e Pensione di Cittadinanza: integrazione domande marzo 2019

L'Istituto comunica i beneficiari di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza che hanno presentato la domanda a marzo 2019 possono integrarla collegandosi al link https://serviziweb2.inps.it/RedditoCittadinanza/autocertificazione. Le

News

dic6

06/12/2019

Pensione anticipata: va computata la pensione acquisita in un altro Stato membro

E’ contraria alla normativa europea la

dic6

06/12/2019

Accordi di ristrutturazione: le limitazioni della responsabilità solidale del cessionario

In tema di limitazioni della responsabilità

dic6

06/12/2019

Contributo di vigilanza: determinato l'importo dovuto a CONSAP

Misura e modalità di versamento all'Istituto

dic6

06/12/2019

Le scelte di Powell e le parole di Lagarde. Si vota nel Regno Unito

Il numero uno della Fed americana, Jerome