Guida al Fringe benefit auto per i dipendenti

La concessione di autovetture ai dipendenti come fringe benefit ha diverso impatto fiscale sul soggetto utilizzatore e all'impresa a seconda della tipologia di utilizzo: personale, aziendale o promiscuo.

 

L'autovettura aziendale: quali utilizzi?

L'auto può essere concessa ad un dipendente per un:

  • utilizzo esclusivamente aziendale. Il veicolo non viene utilizzato dal dipendente per alcun fine personale, neppure per lo spostamento casa-lavoro;

  • utilizzo personale;

  • utilizzo promiscuo tra dipendente e impresa.

 

Norme sull'utilizzo aziendale

Per la concessione di un autovettura per un uso esclusivamente aziendale è riservato il seguente trattamento fiscale:

  • per quanto riguarda l'utilizzatore-dipendente non ha alcuna rilevanza fiscale, dato che non gode di alcun beneficio dall'uso dell'auto;

  • per l'impresa impresa operano i limiti generici di deducibilità, ossia il costo massimo fiscalmente deducibile per autovetture e autocaravan è di 7.230,39 euro (40% di 18,075,99 euro).

 

Norme sull'utilizzo esclusivamente personale

Al ricorrere di tale ipotesi, il compenso in natura è soggetto a tassazione in capo al beneficiario e dall'altra parte possono sussistere limitazione alla deducibilità dei costi per l'impresa.

  • In capo al dipendente

Costituisce reddito di lavoro dipendente. Il valore in denaro dei beni ceduti o prestati dal datore di lavoro ad un dipendente o familiare è determinato in base al criterio del valore normale

  • In capo all'impresa

Costituendo reddito imponibile per il dipendente, il veicolo è per l'impresa un onere per prestazioni di lavoro dipendente. Pertanto i relativi costi sono deducibili in misura pari al compenso in natura concesso al dipendente e deve essere indicato nella voce A.5 “Altri ricavi”.

 

Norme sull'utilizzo promiscuo da parte di dipendente ed impresa

Si tratta dell'ipotesi più praticata e consiste nella possibilità di utilizzare il veicolo sia a fini aziendali che personali. Per esempio:

  • percorsi casa-lavoro e viceversa;

  • percorrenza nelle ore serali;

  • viaggi di fine settimana;

  • percorrenza per le vacanza infrannuali.

 

a) Trattamento fiscale in capo al dipendente

Per autoveicoli, motocicli e ciclomotori concessi in uso promiscuo al dipendente costituisce fringe benefit il 30% dell'importo corrispondente a una percorrenza di 15.000 chilometri, calcolato sulla base del costo chilometrico desumibile dalle tabelle nazionali dell'ACI. Se il dipendente deve corrispondere un prezzo per l'utilizzo della vettura in uso promiscuo, il fringe benefit è costituito dalla differenza tra il valore determinato in modo forfetario e l'importo corrisposto dal dipendente.

Inoltre, se l'impresa fornisce gratuitamente il garage per custodire il veicolo, questo servizio deve essere separatamente valutato e aggiunto all'importo da assoggettare a tassazione in capo al dipendente.

 

b) Trattamento fiscale in capo all'impresa

Per le auto concesse in uso promiscuo i costi sono deducibili del 70%. In questo caso non si applicano i limiti al costo fiscale previsti per i veicoli aziendali. Ciò sta a significare che, nel caso di veicolo avente un costo di 50.000, la stessa è deducibile anche per il costo che va oltre i 18.075,99 euro.

 

 

Ti può interessare anche

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

set7

07/09/2020

Piani di incentivazione all'esodo: una soluzione al divieto di licenziamento?

Mentre si discute sulla portata del divieto

set11

11/09/2020

I commercialisti decidono la revoca dello sciopero

Non ci sarà più lo sciopero dei commercialisti

set11

11/09/2020

Appalti: la conversione del decreto Semplificazioni non disinnesca la “bomba” fiscale

La legge di conversione del decreto Semplificazioni

lug30

30/07/2020

Recupero crediti: istituita la procedura del sequestro conservativo su conti bancari

Il Consiglio dei Ministri ha approvato,

lug29

29/07/2020

Marchi+3, Disegni+4 e Brevetti+: in arrivo ulteriori risorse

A partire dai mesi di settembre e ottobre