Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

06 marzo 2020

 

L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di verifiche sulle ritenute fiscali negli appalti. L'Agenzia ha previsto che la certificazione è messa a disposizione dell'impresa a partire dal terzo giorno lavorativo di ogni mese e ha validità di 4 mesi dal rilascio.

Nuovi obblighi introdotti dal Decreto fiscale

Per contrastare l'omesso versamento delle ritenute fiscali in appalti e subappalti, il Decreto ha inserito il nuovo art 17-bis introducendo a carico dei committenti di opere o servizi che affidano il compimento di una o più opere di importo superiore a 200.000 euro l'obbligo di richiedere all'impresa appaltatrice o affidataria e alle imprese subappaltatrici la copia delle deleghe di pagamento relative al versamento delle ritenute trattenute dall'impresa appaltatrice o affidataria e dalle imprese subappaltatrici sulle retribuzioni dei lavoratori direttamente impiegati nell'esecuzione dell'opera.

Entro 5 giorni lavorativi successivi alla scadenza del versamento, l'impresa appaltatrice o affidataria devono trasmettere al committente le deleghe e un elenco nominativo di tutti i lavorativi, l'ammontare della retribuzione corrisposta al dipendente e il dettaglio delle ritenute fiscali eseguite nel mese precedente nei confronti di tale lavoratore.

Certificato di sussistenza dei requisiti

I nuovi obblighi non trovano applicazione se le imprese appaltatrici o affidatarie o subappaltatrici consegnano al committente la certificazione che attesti la sussistenza dei seguenti requisiti:

  • esistenza in vita da almeno tre anni;

  • regolarità degli obblighi dichiarativi;

  • versamento in conto fiscale non inferiore al 10% dei ricavi e compensi;

Il certificato è messo a disposizione dell'impresa presso un ufficio territoriale competente in base al domicilio fiscale dell'impresa. Per quanto riguarda i grandi contribuenti l'emissione del certificato è competenza della Direzione regionale.

Tra l'altro l'impresa può segnalare all'ufficio che ha emesso il certificato eventuali ulteriori dati che ritiene non essere stati considerati. Successivamente l'Ufficio pone una verifica dei dati e richiede conferma delle informazioni relative ai carichi affidati agli agenti della riscossione.

Nel caso ci siano i presupposti, L'Agenzia procede all'emissione di un nuovo certificato, che sarà messo a disposizione a partire dal terzo giorno lavorativo di ogni mese ha validità di 4 mesi ed è esente da imposta di bollo oltre che dai tributi speciali.

 

Archivio news

 

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

apr4

04/04/2020

Dimissioni rese entro un anno dal matrimonio: modulo INL da trasmettere via mail

Può essere trasmesso tramite posta elettronica

apr4

04/04/2020

Coronavirus, ripartenza 16 maggio: spostare tutti i versamenti al 30 settembre

Nell’ambito dell’emergenza da Coronavirus,