Sicurezza sul lavoro: committente penalmente responsabile se non nomina un coordinatore

Il Legislatore, per garantire una maggiore tutela ai lavoratori, ha esteso al committente la responsabilità penale legata a lesioni o decessi a seguito della violazione della normativa anti-infortunistica. Il committente nel caso di attribuzione dell’incarico lavorativo a due o più imprese è chiamato a nominare un coordinatore sia nella fase di progettazione, sia in quella di esecuzione, per diffondere un’adeguata informativa ed adottare idonee misure di sicurezza.

Nel caso di decesso di un prestatore d’opera, impiegato nei lavori di ristrutturazione di un’abitazione, il committente, assieme ai datori di lavoro facenti capo alle due ditte incaricate, veniva indagato per il reato di omicidio colposo, a seguito della violazione delle norme anti-infortunistiche. L’uomo era, infatti, accusato di aver tenuto delle condotte colpose consistenti nella mancata designazione del coordinatore per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori e nel non aver verificato l’idoneità tecnico–professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi incaricati. Le indagini si concludevano con l’apertura del processo penale che, in entrambi i gradi di giudizio di merito, si concludeva con la condanna di due anni alla pena detentiva ed al risarcimento del danno da liquidarsi in sede civile. La difesa dell’imputato, a questo punto, proponeva ricorso in Cassazione.

La decisione

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 34893, depositata il 31 luglio 2019, ha respinto il ricorso presentato dal committente, confermando la condanna.

I giudici di legittimità, richiamando quanto prescritto dalle disposizioni normative in materia (art. 90 del DLgs 81/2008) chiariscono che l’omessa nomina del coordinatore è da sola sufficiente a giustificare l’affermata responsabilità penale, atteso che l’evento letale o meramente lesivo costituisce la concretizzazione del rischio interferenziale connesso alla presenza di due o più imprese nel cantiere.

Nel caso di specie il committente, pur avendo incaricato due ditte per lo svolgimento dei lavori di ristrutturazione dell’immobile, non aveva individuato il coordinatore, contribuendo a determinare così l’evento criminoso. Da qui il rigetto del ricorso.

 

 

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

  Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

apr16

16/04/2021

CIG Covid-19: coperta la settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021

Con il comunicato stampa del 16 aprile

apr16

16/04/2021

Assunzioni programmate nel trimestre aprile-giugno

Le entrate previste per il mese di aprile

apr16

16/04/2021

Smart working e prospettive di riforma: cosa serve realmente alle imprese

Il prossimo 30 aprile è l’ultimo giorno

apr17

17/04/2021

Opa sul Creval all'ultimo atto. A Shanghai via al Salone dell'auto

Si chiude l’Opa sul Credito Valtellinese.