Detrazione spese mediche: "salta" il tetto di reddito, resta solo l’obbligo di tracciabilità

Saltato il vincolo del reddito, resta la detrazione del 19% per tutte le spese sanitarie: la legge di Bilancio 2020 cancella la disposizione che escludeva dalla stretta sui bonus fiscali per i redditi alti solo le spese per interessi per mutui ipotecari e le spese sanitarie sostenute per patologie gravi. Risulta confermata, invece, la disposizione che subordina il diritto a fruire delle detrazioni di imposta, ivi comprese quelle sostenute per le spese mediche, alla tracciabilità dei pagamenti. Il contribuente dovrà quindi sostenere tali oneri utilizzando la carta di debito o di credito, con le uniche eccezioni delle spese sostenute per l’acquisto di medicinali, ovvero delle spese mediche per le prestazioni effettuate nelle strutture pubbliche o private accreditate.

È “saltato” il tetto alle spese sanitarie che potranno continuare ad essere considerate in detrazione anche dai contribuenti che dichiarano un reddito elevato, quindi superiore a 240.000 euro.

Il dietro front del Governo si desume dal testo della legge di Bilancio 2020 approdata ora alla Camera, per un’ulteriore lettura, in vista dell’approvazione definitiva.

Resta invece confermato l’obbligo di tracciabilità dei pagamenti che, ove non osservato, determinerà la perdita del beneficio fiscale.

Il “ripensamento”

La disposizione in rassegna, secondo il testo normativo attualmente all’esame della Camera, non è più applicabile alle spese sanitarie. I contribuenti continueranno a beneficiare della detrazione pari al 19% dell’importo totale sostenuto nell’anno, cioè pagato, nella misura eccedente la franchigia di 129,11 euro. Inizialmente, invece, la disposizione escludeva espressamente le sole spese mediche “sostenute per patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria.” Si tratta, ad esempio, di talune patologie croniche e invalidanti.

Il meccanismo che limita le detrazioni

La rubrica della disposizione è “Rimodulazione degli oneri detraibili in base al reddito”. La norma precisa in premessa che la detrazione spetta per l’intero importo qualora il reddito complessivo non ecceda 120.000 euro.

Successivamente, si precisa che nell’ipotesi in cui il reddito complessivo sia compreso tra 120.000 euro e 240.000 euro la detrazione si riduce proporzionalmente al crescere del reddito. In particolare, la detrazione spetta per la “per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 240.000,00 euro, diminuito del reddito complessivo, e 120.000,00 euro, qualora il reddito complessivo sia superiore a 120.000,00 euro”.

Esempio

Se il reddito complessivo ammonta a 200.000 euro, la detrazione spetta in misura corrispondente al rapporto tra 40.000 e 120.000 euro, quindi, le detrazioni possono continuare ad essere considerate, ma nella misura ridotta di 1/3.

La tracciabilità integrale

Risulta confermata, invece, la disposizione che subordina il diritto a fruire delle detrazioni di imposta, ivi comprese quelle sostenute per le spese mediche, alla tracciabilità dei pagamenti. Il contribuente dovrà quindi sostenere i predetti oneri utilizzando la carta di debito o di credito.

Le uniche eccezioni sono costituite dalle spese sostenute per l’acquisto di medicinali, ovvero le spese mediche per le prestazioni effettuate nelle strutture pubbliche o private accreditate.

In tali ipotesi i pagamenti potranno continuare ad essere effettuati in contanti presentando la tessera sanitaria nazionale.

La legge di Bilancio 2020 non contiene più neppure la disposizione che, secondo la prima formulazione della manovra, prevedeva l’irrogazione di specifiche sanzioni nei confronti di commercianti e professionisti che rifiutavano i pagamenti effettuati con carte di credito o di debito. Si pone così il problema di come coordinare la “cancellazione” dell’obbligo di dotarsi del POS con l’obbligo di tracciabilità delle spese mediche.

L’unica soluzione, in caso di mancata accettazione del bancomat o della carta di credito, per conservare il diritto alla detrazione degli oneri sostenuti nell’anno, è effettuare il pagamento con il “vecchio” assegno bancario. In alternativa si potrà procedere anche con bonifico bancario, ma i disagi sono intuibili. Il paziente, dopo aver effettuato la visita, dovrà lasciare l’ambulatorio o lo studio medico senza aver effettuato il pagamento e procedendo direttamente presso la propria abitazione non appena avrà a disposizione un personal computer. In alternativa, laddove il paziente sia sufficientemente attrezzato, dovrà effettuare il bonifico bancario con il tablet o il telefonino al termine della visita presso lo studio medico.

 

 

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

  Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

apr16

16/04/2021

CIG Covid-19: coperta la settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021

Con il comunicato stampa del 16 aprile

apr16

16/04/2021

Assunzioni programmate nel trimestre aprile-giugno

Le entrate previste per il mese di aprile

apr16

16/04/2021

Smart working e prospettive di riforma: cosa serve realmente alle imprese

Il prossimo 30 aprile è l’ultimo giorno

apr17

17/04/2021

Opa sul Creval all'ultimo atto. A Shanghai via al Salone dell'auto

Si chiude l’Opa sul Credito Valtellinese.