LEGGE DI BILANCIO 2020: Pensione di reversibilità

 Pensione di reversibilità: quando scatta il diritto degli eredi

Ultimamente si è molto discusso di pensioni ai superstiti e di possibili nuovi interventi del Governo al riguardo. Nella previdenza obbligatoria ai familiari del defunto viene attribuita infatti una “pensione ai superstiti” che si declina in pensione di reversibilità, se il defunto percepiva la pensione di vecchiaia o anticipata, la pensione di invalidità o di inabilità e in pensione indiretta se invece non è stato ancora maturato il diritto alla pensione, pur in presenza di versamenti contributivi (almeno 15 anni di contributi o 5, di cui 3 nei cinque anni precedenti al decesso). E se il defunto ha maturato anche una posizione individuale nei fondi pensione?

L’Ente previdenziale obbligatorio ha allora ufficializzato le soglie di cumulabilità tra pensione e altri redditi. La circostanza è stata da qualche osservatore interpretata come la espressione o la anticipazione di una qualche volontà da parte del Governo, che al momento

non sembra però trovare riscontri, di intervenire sulla reversibilità. L’unico elemento concreto, da intendersi come una mera raccomandazione, sul tema può essere ritrovato in una pubblicazione dello scorso anno dell’OCSE in cui si sottolineava come le pensioni di reversibilità nel nostro Paese sono necessarie, ma devono essere “modernizzate” alla luce dei cambiamenti sociali e demografici e per evitare che siano un disincentivo al lavoro. Più nello specifico si suggerivano alcuni paletti per le prestazioni al coniuge superstite (la proposta principale era quella di non erogare la pensione di reversibilità finché il beneficiario non abbia raggiunto l'età di pensionamento, fornendo a chi è in età più giovane un aiuto temporaneo di adattamento, che tenga conto di fattori quali la presenza di figli) e sul loro finanziamento, ma si consigliava anche di allargare la platea dei possibili beneficiari alle unioni civili.

In attesa di verificare se il tema verrà inserito tra quelli oggetto di confronto tra Governo e sindacati nell’ambito dello specifico tavolo di confronto che dovrebbe partire a gennaio, può essere utile riassumere brevemente come si atteggia il nostro sistema previdenziale nei confronti dell’evento luttuoso.

 

Previdenza obbligatoria

Trattamenti pensionistici

Partendo dalla previdenza obbligatoria si prevede che ai familiari sia attribuita una “pensione ai superstiti” che si declina in:

- pensione di reversibilità, se il defunto percepiva già la pensione di vecchiaia o anticipata, la pensione di invalidità o di inabilità

- pensione indiretta, se invece non aveva ancora maturato il diritto alla pensione, ma aveva versato almeno 15 anni di contributi in tutta la vita assicurativa oppure, in alternativa, almeno 5, di cui 3 nei cinque anni precedenti al decesso.

 

Beneficiari e condizioni

I destinatari del trattamento sono i familiari più prossimi, a cominciare dal coniuge. Il diritto alla pensione per la moglie o il marito superstite è automatico. In caso di separazione, la pensione spetta anche al coniuge separato. Se però è stato stabilito che la separazione è da addebitare al superstite (cioè se ne era stata lui o lei la causa), allora ha diritto alla pensione solo nel caso in cui risulti titolare di un assegno di mantenimento stabilito dal Tribunale.

Anche il coniuge divorziato ha diritto alla pensione se il defunto non si era risposato. Deve però essere titolare di un assegno di divorzio e non deve essersi a sua volta risposato.

La pensione ai superstiti riguarda anche i figli, siano essi legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti, giudizialmente dichiarati o nati da precedente matrimonio dell’altro coniuge. Perché abbiano diritto al trattamento deve però verificarsi una serie di condizioni. Più nello specifico devono essere minori di 18 anni; studenti di scuola media superiore di età compresa tra 18 e 21 anni, a carico del genitore, senza lavoro; studenti universitari per la durata del corso legale di studi e comunque non oltre i 26 anni di età, a carico del genitore, senza lavoro; inabili di qualunque età, a carico del genitore. Quando mancano o non hanno diritto il coniuge e i figli, la pensione dei superstiti può essere riconosciuta ai genitori del lavoratore deceduto, purché abbiano almeno 65 anni, non siano titolari di pensione diretta oppure indiretta e risultino a carico del figlio alla data del decesso.

Se nemmeno i genitori ci sono oppure non ne hanno diritto, possono intervenire i fratelli e le sorelle, purché non sposati, inabili al lavoro, anche se minorenni, non titolari di pensione e a carico del lavoratore deceduto.

Una sentenza della Corte costituzionale riconosce il diritto alla pensione di reversibilità anche al nipote a carico del nonno pensionato. Questo si applica ai nipoti che, anche se non sono stati formalmente affidati ai nonni da un giudice, non sono economicamente autosufficienti e si mantengono solo grazie alla pensione del nonno.

 

Misura dell’assegno

Andando al quantum, il calcolo della pensione di reversibilità si effettua sula base della quota spettante al coniuge, figli, nipoti, genitori e fratelli diverse a seconda del grado di parentela.

Partendo da coniuge e figli in caso di coniuge senza figli spetta il 60%, in caso di coniuge con un figlio l’80%, in caso di coniuge con 2 o più figli il 100%. Se vi siano figli senza coniuge, 1 figlio ha diritto al 70% 2 figli l’80%, 3 o più figli il 100%.

 

Previdenza complementare

Cosa accade poi in caso di decesso dell’aderente nel sistema di previdenza complementare? La fattispecie disciplinata dall’art. 14, comma 3 del decreto legislativo n. 252 del 2005 che dispone che l'intera posizione individuale maturata è riscattata dagli eredi ovvero dai diversi

beneficiari dallo stesso designati, siano essi persone fisiche o giuridiche. In mancanza di tali soggetti, la posizione resta acquisita al fondo pensione nelle forme pensionistiche complementari di tipo collettivo mentre nelle forme pensionistiche complementari individuali viene devoluta a finalità sociali secondo le modalità stabilite con apposito decreto ministeriale.

Il diritto di riscatto della posizione individuale da parte degli eredi o dei diversi beneficiari designati è da intendersi soggetto, trattandosi di prestazione da erogarsi in unica soluzione, alla prescrizione ordinaria decennale di cui all’art.2946 c.c. La predetta prescrizione decorre, ai sensi dell’art. 2935 del c.c., dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere, ossia dalla data di decesso dell’iscritto.

Ai fini dell’individuazione dei soggetti che, in qualità di eredi, possono presentare istanza di riscatto, sottolinea la COVIP negli Orientamenti del 15 luglio 2018, deve farsi riferimento alla disciplina del Codice civile in materia, tenendo presenti i vari tipi di successione (legittima e testamentaria) e le varie categorie di successibili.

 

 

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

  Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

apr16

16/04/2021

CIG Covid-19: coperta la settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021

Con il comunicato stampa del 16 aprile

apr16

16/04/2021

Assunzioni programmate nel trimestre aprile-giugno

Le entrate previste per il mese di aprile

apr16

16/04/2021

Smart working e prospettive di riforma: cosa serve realmente alle imprese

Il prossimo 30 aprile è l’ultimo giorno

apr17

17/04/2021

Opa sul Creval all'ultimo atto. A Shanghai via al Salone dell'auto

Si chiude l’Opa sul Credito Valtellinese.