Incentivo per l'assunzione di beneficiari del Reddito di cittadinanza

 

Il legislatore ha previsto specifici incentivi per il reinserimento nel mercato del lavoro dei soggetti che fruiscono di tale sussidio economico di sostegno sociale. In particolare, le imprese che assumono beneficiari del RdC possono disporre di un esonero dal versamento dei contributivi previdenziali ed assistenziali. Di seguito una sintesi su quali sono le condizioni di accesso e la procedura operativa per beneficiare di questo incentivo.

L'esonero

I datori di lavoro che assumono a tempo pieno ed indeterminato beneficiari del RdC possono beneficiare di un esonero dei contributi sia a carico azienda che lavoratore. La fruizione del beneficio è limitata all'importo residuo di RdC, ovvero quanto sarebbe ancora spettato al lavoratore fino a scadenza, con un tetto massimo di 780€, con una durata limite di 18 mensilità.

Pre-requisito dei beneficiari

L'incentivo è rivolto a tutti i datori di lavoro privati che hanno comunicato sul portale dell'ANPAL la disponibilità di posti vacanti.

Rapporti di lavoro incentivati

L'assunzione deve essere con contratto a tempo pieno indeterminato o in apprendistato. Sono esclusi rapporti di lavoro intermittente, occasionale, domestico e dirigenziale. Il rapporto instaurato deve essere stabile per almeno i primi 36 mesi dall'assunzione, in quanto il licenziamento del lavoratore agevolato comporta la restituzione dell'incentivo fruito.

Quanto vale l'incentivo

L'importo massimo dell'incentivo non può eccedere il totale mensile di 780€. È possibile riconoscere lo sgravio anche per più di un'assunzione dei componenti del medesimo nucleo, purché sussista un eventuale residuo di Rdc.

Requisiti aziendali

Per accedere all'esonero l'assunzione deve comportare un incremento occupazionale, il datore di lavoro deve essere in regola con gli obblighi contributivi. L'agevolazione deve essere fruita nel rispetto dei limiti del de minimis.

Come richiedere l'incentivo

Il datore di lavoro deve comunicare tramite la piattaforma del Rdc la disponibilità di posti vacanti e, una volta trovato il soggetto da assumere, chiudere la ricerca inserendo il codice della comunicazione obbligatoria del lavoratore assunto. Successivamente bisogna inoltrare una richiesta di ammissione al beneficio tramite il portale agevolazioni dell'INPS.

Compatibilità con altre agevolazioni

L'incentivo per l'assunzione di lavoratore beneficiari di Rdc è compatibile esclusivamente con il Bonus SUD. Nel caso in cui il datore di lavoro abbia esaurito gli esoneri contributivi in forza del Bonus SUD, gli sgravi contributivi vengono fruiti sotto forma di credito d'imposta per il datore di lavoro.

 

 

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

  Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

apr16

16/04/2021

CIG Covid-19: coperta la settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021

Con il comunicato stampa del 16 aprile

apr16

16/04/2021

Assunzioni programmate nel trimestre aprile-giugno

Le entrate previste per il mese di aprile

apr16

16/04/2021

Smart working e prospettive di riforma: cosa serve realmente alle imprese

Il prossimo 30 aprile è l’ultimo giorno

apr17

17/04/2021

Opa sul Creval all'ultimo atto. A Shanghai via al Salone dell'auto

Si chiude l’Opa sul Credito Valtellinese.