La Denuncia di Assunzione e il Contratto di Lavoro

Fatti colloqui e selezioni, stabilite le mansioni, non resta che mettere alla prova il lavoratore.
Una pratica molto comune quanto errata è quella di stabilire oralmente un "periodo di prova" da effettuarsi prima della formalizzazione del contratto di lavoro.
La legge prescrive che il "patto di prova" avvenga in forma scritta e che tale periodo sia equiparato in forma e sostanza all'assunzione, con tutti i diritti e doveri che ne conseguono.

Inoltre tale patto di norma è già contenuto, nel contratto di assunzione, documento essenziale e prezioso che fissa le condizioni di lavoro.
Il costante rispetto del contratto è la principale via per un rapporto di stima reciproco e pertanto deve prevedere ogni aspetto della collaborazione, e deve essere aggiornato ogni qualvolta le parti trovino un nuovo accordo.

Tra l'altro l'assunzione del lavoratore domestico deve essere comunicata, almeno 24 ore prima dell'ingresso in servizio, all'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale con l'apposita modulistica telematica, al fine di fornire al lavoratore la copertura previdenziale e assicurativa obbligatoria.

Se il lavoratore da assumere è uno straniero non comunitario bisognerà accertarsi che abbia il documento di soggiorno in regola. La legge, in tale caso, richiede che il lavoratore abbia una retribuzione sufficiente al proprio sostentamento e che il datore di lavoro si impegni al pagamento delle evenuali spese di rimpatrio, oltre a fornire notizie circa la condizione alloggiativa del lavoratore.

 

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

  Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

apr16

16/04/2021

CIG Covid-19: coperta la settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021

Con il comunicato stampa del 16 aprile

apr16

16/04/2021

Assunzioni programmate nel trimestre aprile-giugno

Le entrate previste per il mese di aprile

apr16

16/04/2021

Smart working e prospettive di riforma: cosa serve realmente alle imprese

Il prossimo 30 aprile è l’ultimo giorno

apr17

17/04/2021

Opa sul Creval all'ultimo atto. A Shanghai via al Salone dell'auto

Si chiude l’Opa sul Credito Valtellinese.