Ecco perchè i voucher in edilizia sono illegali..

Il sistema si pagamento con voucher, o buoni lavoro, ha avuto un incremento notevole negli ultimi anni, grazie alle sue caratteristiche di immediatezza e semplicità burocratica.

 

Chiariamo innanzitutto i concetti di voucher e di lavoro accessorio. 

L' INPS ci dice che il lavoro accessorio "E' una particolare modalità di prestazione lavorativa la cui finalità è quella di regolamentare quelleprestazioni lavorative, definite appunto 'accessorie', che non sono riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte in modo saltuario, e tutelare situazioni non regolamentate. 

Il pagamento avviene attraverso 'buoni lavoro' (voucher). 

Il valore netto di un voucher da 10 euro nominali, in favore del lavoratore, è di 7,50 euro e corrisponde al compenso minimo di un’ora di prestazione, salvo che per il settore agricolo, dove, in ragione della sua specificità, si considera il contratto di riferimento. 

Sono garantite la copertura previdenziale presso l'INPS e quella assicurativa presso l'INAIL.  Si precisa che lo svolgimento di prestazioni di lavoro accessorio non dà diritto alle prestazioni a sostegno del reddito dell'INPS (disoccupazione, maternità, malattia, assegni familiari ecc.), ma è riconosciuto ai fini del diritto alla pensione." 

Uno strumento estremamente flessibile e semplice che ha avuto una crescita notevole nel suo utilizzo, sia presso le famiglie che in azienda, utile per tutte quelle prestazioni piccole ed occasionali si cui si può avere esigenza e che altrimenti comporterebbero un costo d'inquadramento magari superiore all'utilità stessa della prestazione. 

E' indubbio che si sia anche abusato di tale strumento, talvolta nascondendovi prestazioni ben più corpose, ed effettivamente pagate in nero, al solo fine di avere un minimo di copertura in caso di verifiche o di infortuni sul lavoro. A questo è  stato posto rimedio dal ministero nel mese di giugno 2016 prevedendo la tracciabilità della prestazione. Oggi non è più possibile definire solo l'arco temporale in cui si colloca la prestazione, ma è necessario comunicare la durata effettiva della prestazione, prima dell'inizio della stessa. 

Ma ancora esistono tantissimi casi di utilizzo palesemente illegale per mancanza dei requisiti necessari all'utilizzo dei voucher. Casi in cui basterebbe una semplicissima verifica formale per verificare l'utilizzo illecito e la trasformazione del rapporto con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. 

E' il caso dell'edilizia nel caso di appalto, ma anche delle ditte che effettuano manutenzione degli impianti di terzi e, più  in generale tutti i casi in cui l'utilizzatore non coincida con il committente. 

Infatti, fin dall'origine, la normativa sui voucher ne ha vietato l'utilizzo per appalti di opere e servizi, configurandosi in tal caso una sorta di somministrazione illegale di  manodopera. 

L'unica possibilità di utilizzo dei voucher in un lavoro edile è quella in cui il proprietario e committente utilizzi direttamente il lavoro accessorio di un operaio per effettuare un lavoro a casa propria.

 

News dello studio

mar13

13/03/2020

Dietrofront del Ministero: posticipato l'accesso ai servizi tramite SPID

  Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla luce dell’attuale emergenza sanitaria in atto (da COVID-19), rassicura gli utenti sulla possibilità di continuare a utilizzare

mar6

06/03/2020

Ritenute fiscali negli appalti: approvato il certificato di sussistenza dei requisiti

  L'Agenzia delle Entrate ha approvato lo schema di certificazione di sussistenza dei requisiti previsti del D.Lgs n.241/1994 che consentono la non applicazione degli adempimenti in materia di

feb13

13/02/2020

Nuove norme in materia di ritenute negli appalti over 200mila euro. Arriva la circolare con i primi chiarimenti

Pubblicati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove norme in materia di ritenute negli appalti superiori a 200mila euro introdotte dal Decreto fiscale 2019 (Dl n. 124/2019). La circolare

News

apr16

16/04/2021

CIG Covid-19: coperta la settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021

Con il comunicato stampa del 16 aprile

apr16

16/04/2021

Assunzioni programmate nel trimestre aprile-giugno

Le entrate previste per il mese di aprile

apr16

16/04/2021

Smart working e prospettive di riforma: cosa serve realmente alle imprese

Il prossimo 30 aprile è l’ultimo giorno

apr17

17/04/2021

Opa sul Creval all'ultimo atto. A Shanghai via al Salone dell'auto

Si chiude l’Opa sul Credito Valtellinese.